sovie soviet fate

Mettete i Soviet Soviet nelle vostre playlist di fine anno

Arriva dicembre e con esso la nostra mania di fare liste per distillare il meglio dell’anno che sta finendo nel tentativo di immortalare ciò che dovrebbe rimanere ai posteri. Secondo noi.

Però quest’anno, in tema di indie italiano, succede che una delle cose migliori sia accaduta un paio di settimane fa. Dunque non bisogna rivangarla, ma scoprirla.

Sto parlando dei Soviet Soviet e del loro nuovo album Fate.

Ok, sono di parte con i Soviet Soviet. E questo perché uniscono alcuni elementi che io adoro: il post punk in generale, e in particolare la batteria nervosa, le chitarre shoegaze e i riff fulminanti, e infine l’uso delle linee di basso che sorreggono la melodia, intrigante e inquietante.

Però il trio pesarese emerge rispetto a tanti altri perché ha dalla sua una certa familiarità con melodie ben riuscite che fanno sì che molte delle loro canzoni potrebbero entrare in una playlist del meglio del post-punk. Vedi alla voce: Ecstasy, 1990, Further e Something you can’t forget.

Melodie che a volte si fanno agrodolci e fanno pensare ai My Bloody Valentine e ai Jesus and Mary Chain. Una somiglianza che li ha fatti accostare ai primi Placebo, che ha fatto sì che la band sia stata tacciata da più parti di essere troppo pop, troppo facile.

Io però credo che una grande canzone abbia bisogno della sua melodia. Credo che chi ha paura della melodia sia sciocco, adolescenziale e pure finto alternativo. E credo pure che Gone Fast sia una gran bella canzone proprio per il suo flirtare col dream pop e potrebbe stare benissimo in una’extended version di Donnie Darko.

Il che mi fa concludere dicendo:

Fate pace con la melodia e mettete i Soviet Soviet nelle vostre playlist di fine anno.

sovie soviet fate

Questa voce è stata pubblicata il 20 dicembre 2013 alle 8:48 PM. È archiviata in Preistoria '70-'80-'90, Rock-Indie '10, Segnali dai '10 con tag , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Un pensiero su “Mettete i Soviet Soviet nelle vostre playlist di fine anno

  1. Pingback: Perché il giornalismo musicale di Vincenzo Mollica ci fa male? | Goodbyezero

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: