icona-pop-i-love-it-cover-florence

I love it (I don’t care): la cover di Florence and the machine

Nel post Cosa rende grande una canzone? a questa precisa domanda rispondevo (in un delirio Marzullesco):

“La sua capacità di essere bella con qualsiasi vestito, con qualsiasi arrangiamento. Una grande canzone mostra nuovi lati della sua bellezza nel momento in cui è coverizzata, come avviene con le cover acustiche; continua a essere bella anche quando è resa in chiave completamente diversa proprio per creare un effetto straniante, come nella Imagine in minore degli A perfect circle o nelle cover di Cat Power”.

Credo molto in questo assunto e ne ho avuto conferma una volta di più con una canzone che tanto mi piace: I love it (I don’t care) delle Icona Pop. Una canzone trashissima lo so, ma che ha una grande melodia e una grande carica. E soprattutto una canzone che sa di essere tamarra ma se ne frega, ci gioca su, tanto da aver conquistato cuori e orecchie di un pubblico hipster poco incline alla musica da classifica.

E tra questo pubblico c’è anche un’ascoltatrice del calibro di Florence Welch dei Florence and The Machine, che ne ha fatto una cover.

Come dicevo a inizio post: “Una grande canzone mostra nuovi lati della sua bellezza nel momento in cui è coverizzata” e così avviene in questa bellissima versione piano e voce del singolo riempi-pista delle Icona Pop: I love it (I don’t care).

Smetto di scrivere. Lascio parlare la voce di Florence Welch.

Questa voce è stata pubblicata il 10 ottobre 2013 alle 8:59 AM. È archiviata in Pop '10, Rock-Indie '10, Segnali dai '10 con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

6 pensieri su “I love it (I don’t care): la cover di Florence and the machine

  1. Ancora una volta molto d’accordo con te. Bellissima la versione di Florence che mi piace assai con quel suo vocione in cui vuoti e pieni sono sempre in magico equilibrio ^_^

  2. Pingback: La meravigliosa versione acustica di Appels + Oranjes degli Smashing Pumpkins | Goodbyezero

  3. Pingback: How deep is your love e l’arte delle cover: Cristina Donà batte John Frusciante | Goodbyezero

  4. Pingback: Proud to be pop: dal pop come vergogna al pop come orgoglio | Goodbyezero

  5. Pingback: Cosa rende grande una canzone? Il caso della cover acustica di Buffalo Stance di Neneh Cherry | Goodbyezero

  6. Pingback: Le migliori canzoni del 2015, finora | playlist Spotify | Goodbyezero

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: