cosmo ho visto un dio

Il singolo di Aprile: Cosmo – Ho visto un Dio

Il singolo di Aprile: Cosmo – Ho visto un Dio

Dell’ultimo meraviglioso lavoro dei Drink to Me avevo parlato l’anno scorso; del progetto solista di Marco, il cantante, avevo parlato un po’ di mesi fa.

Così non appena è uscito Ho visto un Dio, il primo singolo tratto dall’imminente Disordine, l’ho consumato di ascolti.

Ora, dopo esser stato responsabile di un buon numero delle 10.000 visualizzazioni su Youtube (consigliandolo ad amici a mo’ di apostolo cosmico) eccomi a bloggarlo e ad eleggerlo come miglior singolo di questo uggioso Aprile. Ebbene sì, anche meglio dell’ultimo Justin Timberlake.

Il progetto è molto più pop di quanto proposto da Marco nei Drink to me, ma porta avanti quel processo di synthetizzazione già evidente in S. Il risultato è un pezzo in cui produzione e il suono sono davvero pregevoli (gli echi, il basso pulsante) ma soprattutto in cui la melodia del ritornello è perfetta e ti si attacca addosso al primo ascolto (io lo canto dappertutto, anche sul tram con la sciura affianco):

“Ho visto un Dio dentro ai boschi e nelle droghe più incredibili”.

Una dote, quella della melodia, che Marco/Cosmo ha messo già bene in mostra con S, l’ultimo disco dei Drink to me, e che credo sia stata uno dei motivi che ha fatto sì che un disco così indie sia stato apprezzato anche da un pubblico più vasto e meno di genere.

Detto ciò ti lascio al video di Ho visto un Dio. Buona ecstasy.

Questa voce è stata pubblicata il 23 aprile 2013 alle 11:29 PM. È archiviata in Electro-Dance-Trip Hop '10, Pop '10, Segnali dai '10 con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

7 pensieri su “Il singolo di Aprile: Cosmo – Ho visto un Dio

  1. Bella bella bella bella!!!

  2. Continuo ad ascoltarla!!!!!!!!!!!!!!

  3. Ti entra in testa e va in loop. Come le droghe più incredibili😉

  4. Pingback: Gli Iori’s eyes e l’estetica musicale tra gli Anni Zero e gli Anni Dieci | Goodbyezero

  5. Pingback: Dinosauri, videoclip fatti con Instagram e il fascino della retrodance | Goodbyezero

  6. Pingback: Proud to be pop: dal pop come vergogna al pop come orgoglio | Goodbyezero

  7. Pingback: Drink to me: la recensione di Bright white light (+ streaming) | Goodbyezero

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: