tupac-coachella-ologramma

L’ologramma che “riporta in vita”: 2pac, Freddie Mercury, Micheal Jackson, Lisa Left Eye

L’ologramma che “riporta in vita”: 2pac, Freddie Mercury, Micheal Jackson, Lisa Left Eye – Su GoodbyeZero parlo spesso di tendenze musicali. E non potrebbbe essere altrimenti visto che il tema è quel crocicchio che tiene insieme la mia vita lavorativa da Trendwatcher e la passione e le collaborazioni collaterali legate alla musica.

Ma non tutte le tendenze musicali sono affascinanti. È il caso della triste moda di usare gli ologrammi per “riportare in vita” grandi artisti del passato.

Tutto ha inizio al Coachella due settimane fa, quando Dr. Dre e Snoop Dogg vanno in scena  “in compagnia” di un ologramma di 2Pac Shakur, il rapper della West Coast morto in una sparatoria a Las Vegas. Non proprio un’apparizione 3d, come spiegano dalle parti di Pitchfork, ma un rendering 2D. Ma la sostanza cambia poco.

Verrebbe da dire che non c’è nulla di nuovo sotto al sole. Fuor di musica, la tendenza del Wow effect si è consolidata negli anni: venendo alla luce tramite video morphing, installazioni di luce e architetture che paiono muoversi, come nel recente progetto milanese D’uomo. E anche nel mondo musicale non mancano gli esempi. Basti pensare alla performance del 2006 dei Gorillaz.

Ma la novità sta nel fatto che stavolta l’illusione ottica non è fatta per far sognare, per proiettare lo spettatore al di là della realtà – un mondo fantastico, a cartoni ecc; ma  per fare resuscitare pezzi di realtà. In un’operazione semplicemente macabra e patetica.

Chiara la voglia degli amici di 2Pac di far parlare di loro attraverso un’icona del rap scomparsa, chiara la motivazione pubblicitaria e commerciale; ma forse nel mondo dell’hip-hop, kitsch, contrario alle regole del buon gusto, ma anche “abitato” da personaggi che con la morte ci giocano e che nei testi valorizzano il suo essere l’unica via per sfuggire ai drammi quotidiani o per consacrarsi come icone immortali, forse dicevo, in questo specifico mondo di segni e suoni, un’operazione del genere potrebbe anche avere un suo (flebile) senso. Potrebbe essere non meno accettabile di tante altre esagerazioni a cui l’hip-hop ci ha abituati.

Ma le cronache musicali degli ultimi giorni segnano un inquietante dilagare della tendenza. Così ecco che si vocifera di tour in cui “a tornare in vita” sarebbe un’icona indiscussa del rock come Freddie Mercury. Anche se, per fortuna(!) il batterista Roger Taylor ha dichiarato: “Non voglio esibirmi con un ologramma di un mio caro amico” (via soundsblog).

Ma i casi non finiscono qui. Ricordi Lisa Left Eye Lopez, membro del trio r’n’b delle TLC morta nel 2002 a causa di un incidente stradale? “Verrebbe fatta tornare in scena” dalle sue due amiche smaniose di denaro e prive di decenza per il loro prossimo tour.

E la tendenza assume i suoi connotati più beceri quando si annuncia per il 2013 il ritorno del The King of Pop. Micheal Jackson. Ovviamente nella sua versione luminescente.

Tendenze inquietanti già negli intenti. Ma quello che mi inquieta di più è il successo che queste operazioni rischierebbero di avere. Orde di fan che dopo aver consumato musical di quart’ordine (vedi il caso di Thriller) e best of senza senso, sono pronti ad acclamare il proprio beniamino fazzoletto alla mano e goccioloni agli occhi.

Staremo a vedere come si evolverà la cosa; ma io ho un sentore negativo. Molto negativo.

Questa voce è stata pubblicata il 3 maggio 2012 alle 12:10 AM. È archiviata in Pop '10, Rap-R'n'B-Funk '10, Rock-Indie '10, Segnali dai '10 con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

3 pensieri su “L’ologramma che “riporta in vita”: 2pac, Freddie Mercury, Micheal Jackson, Lisa Left Eye

  1. Lupa in ha detto:

    Concordo. E anche nel caso di Pac si tratta di una violenza bella e buona. Molto scenografico, sorpremdente e anche un po’ inquietante, che suscita emozione….ma sbagliato. Non potevano “imbrigliarlo” nei loro schemi da vivo, ci provano da morto. Patetici mangiaquattrini. “amici” del cavolo.

    • massiqween in ha detto:

      ma perfavore, sempre a fare polemica su niente sti italiani.

      Se tu fossi veramente fan di tupac o di freddie mercury o di michael jackson saresti piu che felice di ritornarli a vedere sul palco !

      E basta fare i soliti italianotti ipocriti.

      • @Massiqween: vederli tornare sul palco? No nessuno torna in scena; è piuttosto una messa in scena. Oltre al fatto che l’operazione è macabra, pacchiana (ma questo potrebbe anche essere soggettivo) quello che ascolteresti è comunque una registrazione in playback con davanti, musicalmente poco interessante. L’ipocrisia comunque dizionario alla mano non c’entra proprio niente.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: