Miami Ancora: Dente delu-Dente e show degli Aucan incandescente

miami ancora

Miami Ancora: Dente Delu-Dente e show degli Aucan incandescente – Ieri sera la Milano rock-addicted si è riunita agli East End Studios per un appuntamento da non perdere: il Miami Ancora. Niente idroscalo e caldo afoso del gemello estivo, ma comunque dieci ore d’indietalico che hanno riscaldato un inverno gelido come pochi.

Non arrivo in tempo per i primi gruppi, ma abbastanza presto per ascoltare Maria Antonietta. Performance sca-dente, peròSe già il passaggio alla forma italiana ha fatto perdere tanto alla 24enne marchigiana (concordo pienamente con Emacore), l’opzione concerto “chitarra e voce” presentata al Miami mette in evidenza tutto il carattere acerbo della sua voce e del suo sound.

Dopo di lei, vanno decisamente meglio gli A Classic Education, di scena sul palco principale. Sebbene io abbia qualche difficoltà a sentire la voce di Jonathan Clancy senza pensare ai Settlefish di Oh Dear! E se già con gli ACE gli East End si stavano riempiendo, con l’arrivo di Dente l’operazione riempi-sala si conclude a meraviglia. Segno che il menestrello di Fidenza è headliner non a caso.

Ascoltando le sue canzoni, però, prendono una forma compiuta alcuni pensieri che già avevo in testa. Il primo positivo, gli altri due no.

1) Dente è uno dei pochi veri cantautori italiani odierni, perché sa raccontare (E non è un caso se quando l’ascolto penso a Battisti)

2) (allo stesso tempo) Dente è sopravvalutato, come giustamente dice Roby di Roar. Non ha abilità nelle melodia vocali, che scorrono piatte e grigie senza attaccarsi in testa (a differenza di quelle di Battisti)

3) Dente è terribilmente (e forse consapevolmente) antipatico. E l’apatica interazione col pubblico del Miami, portata avanti a suon di stanchi “E voi come state?” me lo ha confermato.

Morale della favola: pubblico moscio che si è animato solo quando il nostro ha annunciato gli ultimi due pezzi (si sono levati in aria molti “Finalmente” e “Ah meno male”). Insomma, performance delu-Dente.

Di tutt’altra pasta lo show degli Aucan, da Brescia con furore. Quando salgono sul palco sto finendo di trangugiare il mio cartoccio di patatine fritte. Particolare non secondario perché per tutto il concerto del trio bresciano ho tentato di far scendere giù per la gola un bolo di patatine, ma la potenza dei  bassi lo riportava su instancabilmente.

Show ad alto impatto sonoro e visivo: al centro Dario Dassenno e la sua batteria robusta, e ai due lati Francesco D’Abbraccio e Giovanni Ferliga, che si alternano tra synth cattivi e chitarre distorte. Il tutto per una mezz’ora ipnotica in bilico tra nu-rave, trip-hop scuro e industrial.

Così, INFINITAMENTE più potenti live che non sul disco, gli Aucan si confermano una delle cose più belle del 2011 e (a mio parere) i best performer del Miami.

PS: dato che (ahimè) non godo della bilocazione nel mentre mi sono perso un paio di bei concerti nella saletta di Jack: dunque lascio a te la parola sugli artisti che non ho ascoltato.

Questa voce è stata pubblicata il 5 febbraio 2012 alle 11:33 PM. È archiviata in GoodbyeLive con tag , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

9 pensieri su “Miami Ancora: Dente delu-Dente e show degli Aucan incandescente

  1. Prima o poi Dente verrà valutato per quello che è: un onesto cantante, ché “cantautore” credo sia francamente troppo. Pompato e strapompato, decisamente “hype”. Troppo. E grazie per la citazione su Maria Antonietta!😀

    • Figurati😉 D’accordo con te sull’hype, però cantautore lo è da dizionario in quanto “cantante di musica leggera che interpreta canzoni musicate e scritte da lui stesso”, qualità a parte…

  2. Potevi certo parlare della nostra domanda atavica però: “È più antipatico Dente o Carlo Pastore?”.
    Comunque non avrei saputo dare una forma alla serata meglio di così.

  3. Franco in ha detto:

    Onestamente non mi pare che Dente soffra di mal d’hype, ma piuttosto di una, in fondo anche legittima, sopravvalutazione da nostalgia, che una fetta di pubblico nutre nei confronti di una certa canzone scaldacuore, mai melensa o decerebrata, andata forse un po’ persa.

    Ma chissà che io non sia troppo buono, sarà che a me sta simpatico?

    Comunque Viva GBØ!

  4. Di Dente non so nulla… Al momento non mi incuriosice…

    Però ca**o devo assolutamente ringraziarti per aver pubblicato il video degli Aucan… Mi ha stupito tantissimo ed ultimamente poche cose riescono a farlo. Appena ho tempo mi faccio una cultura su questo gruppo! Grazie GBø!!!

    • @Franco: “Sopravvalutazione da nostalgia”, ottima espressione Franco, che tiene insieme Dente e non solo e spiega tante cose. Riflettendo in altre sedi sulla nostalgia degli anni ’60 nel mondo della pubblicità avanzavo l’ipotesi che inconsciamente o no questo ritorno sia dovuto alla protensione verso quell’italia del boom economico, della bella vita, dei sogni proiettati oltreoceano, che ormai – per cause che ben consociamo – non c’è più… Non so se questa banale analisi socio-economica (in queste righe banalizzata ancor di più) possa reggere (in generale) e per la musica (in particolare), ma la butto lì🙂
      PS: grazie per il “W GBØ”😉
      @Vuc’s😉 Prego, dovere di cronaca. A proposito di cultura sugli Aucan sto scrivendo proprio ora un post sulla loro ultima release… quindi a presto con qualche nuova informazione!

  5. Pingback: Black Rainbow remix – Gli Aucan e la Youtube release « GoodbyeZero

  6. Pingback: Black Rainbow remix – Gli Aucan e la Youtube release « GoodbyeZero

  7. Bel report, anche se non condivido l’antipatia per Dente… forse alle volte è un po’ stucchevole con i commenti, ma vabbè, antipatico mi sembra eccessivo.
    Io mi sono perso un bel po’ di concerti, però ho assistito ad un dramma niente male
    http://www.frankezze.it/freschezze/mi-ami-ancora/

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: