Megafaun: folk e barbe made in USA

Megafaun folk e barbe made in USAMegafaun: folk e barbe made in USA – Ma quanto vanno di mode le barbe americane in questi ultimi anni? A giudicare dal moltiplicarsi delle uscite e dalla distribuzione  sempre più massiccia di folk americano, direi molto. E Bon Iver, Iron&Wine, Fleet Foxes sono solo i nomi più noti di un movimento ben nutrito.

A proposito di una band, i Megafaun, è uscito da poco un mio articolo sulle pagine cartacee e virtuali di Zero, scritto in vista della loro data del 9 febbraio al Bronson di Ravenna.

Il mutamento fonetico in una parola è un piccolo esempio di teoria delle catastrofi. Una leggera trasformazione del significante crea un cambiamento molto più grande sul piano del significato. Esempio: se privassimo Megafaun di una “A” verrebbe fuori Megafun, nome più adatto a una band pop-punk e lontano dal mood del trio: spensierato, ma non iperdivertente. Un folk-pop simile a quello dell’amico Bon Iver? In (gran) parte sì, ma cosa aspettarsi da due ex parti d’una stessa mela (i DeYarmond Edison)? D’altronde anche la provenienza geografica è la medesima, quella provincia statunitense fucina di barbuti e culla dell’americana contemporanea, e il sangue non è mica acqua.

Chiusa la parentesi Zero, e immergendomi in GoodbyeZero, mi chiedo il perché più profondo di questo rinnovato interesse; soprattutto considerando che di tutto si tratta fuorché di un genere catchy e acchiappa-ascolti. E siccome me lo chiedo veramente, e non per modo di dire, volgo la domanda retorica in una domanda effettiva: cosa diavolo si nasconde dietro tutto questo interesse per i barbuti del folk americano? Voglia di America? Ritorno al passato? Ri-affermazione del cantautorato?  Movimento di autenticazione che porta gli indie con le loro camicie a scacchi a ricongiungersi con i legittimi indossatori dell’indumento? O è tutto da ricondurre al crudele ritorno di moda della pelliccia (meglio se targata Annabella di Pavia e vinta grazie al gioco a premi del defunto e trafugato Mike Bongiorno)?

A te la risposta (ma stavolta sono serio)  ;-)

Questa voce è stata pubblicata il 23 gennaio 2012 alle 11:56 PM. È archiviata in Rock-Indie '10, Segnali dai '10 con tag , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: