Il disco che non c’è. Quando il marketing musicale parla norvegese

La canzone che non c'èChe in fatto di musica-rock i norvegesi abbiano molto da insegnare lo sapevamo – e chi non lo sapeva può cominciare a farsi una cultura musicale scandinava partendo dalla sterminata discografia dei Motorpsycho – ma che il marketing musicale potesse parlare norvegese francamente io non l’avrei mai detto.

Per fortuna a dirmelo ci ha pensato Glory11, dopo aver letto un post di Ninjamarketing.

Due sono i protagonisti di questa storia: i Kaizers Orchestra, rock band norvegese nata all’inizio degli Anni Zero, e una loro idea. Un’idea, come tutte le idee geniali e rivoluzionarie, semplice e drastica allo stesso tempo. “Tutti scaricano illegalmente musica da internet?” “Le registrazioni vengono leakkate prima della loro effettiva pubblicazione?” Bene, ecco allora che i Kaizers Orchestra decidono di risolvere il problema alla radice: non registrando il loro singolo Hjerteknuser, primo estratto da Violeta, Violeta, vol. 1, e rendendo pubblico solo lo spartito, affiggendolo sui muri e postandolo su siti e forum. .

Un’idea che ha dato il via a un innesco negli ascoltatori, fan o meno, che si sono subito cimentati nel realizzare il brano, dandogli vita; complice anche un concorso volto a decretare l’interpretazione migliore.

In realtà “il disco che non c’è”, c’è eccome. Semplicemente è arrivato in un secondo tempo, accolto dal clamore generato dal tam tam mediatico. (Quasi) inevitabile il primo posto in classifica per la versione ufficiale targata Kaizers Orchestra (di cui puoi vedere il video qui sotto).

Ma se la questione, come hanno notato i Ninja, è interessante dal punto di vista del marketing, non vanno sottovalutati i risvolti semiotici e musicali.

Se è vero che il testo musicale più di ogni altro vive di manipolazioni (remix), cover, riproposizioni live, interpretazioni amatoriali su Youtube venute bene o venute male,  ecc. – tanto che diventa difficile definire dove inizia e dove finisce una data canzone intesa come fenomeno testuale – molto interessante è l’idea di ribaltare l’ordine cronologico e far sì che le realizzazioni testuali considerate “non ufficiali” anticipino la canzone propriamente detta.

Aspettando il giorno in cui qualcuno ribalti anche l’ordine gerarchico tra “LA” canzone e le sue “varianti”.

Intanti, ti lascio al video della versione originale di Hjerteknuser. Sperando che tra le varie interpretazioni secondarie non ce ne sia una fatta da una certa Gemma del Sud.😀

Questa voce è stata pubblicata il 25 maggio 2011 alle 9:49 PM. È archiviata in Rock-Indie '10, Segnali dai '10 con tag , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

6 pensieri su “Il disco che non c’è. Quando il marketing musicale parla norvegese

  1. Pingback: Crea il tuo album dei Kaiser Chief « GoodbyeZero

  2. Pingback: Cosa restarà dei nosri Cd? – L’App-album di Bjork « GoodbyeZero

  3. Pingback: Cosa resterà dei nosri Cd? – L’App-album di Bjork « GoodbyeZero

  4. Pingback: Cosa resterà dei nostri Cd? – L’App-album di Bjork « GoodbyeZero

  5. Pingback: Beck, Song Reader e lo spartito: rivoluzione o riproposizione? « GoodbyeZero

  6. Pingback: Beck, Song Reader e lo spartito: rivoluzione o riproposizione? | Goodbyezero

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: