Il vuoto grande grande grande lasciato da Mina

Il vuoto di MinaQualche post fa, parlando del mancato tour dei Rem e del ruolo della performance nella musica popular, accennavo al caso di Mina Mazzini: un’artista che non solo ha smesso di esibirsi live, ma più in generale ha smesso di mostrarsi in pubblico, comunicando col mondo solo attraverso i suoi dischi.

In questo post vorrei riprendere in mano alcune considerazioni, musicali e non scandalistiche, sul caso Mina; e nel farlo ringrazio Oi, dato che la nostra discussione nei commenti del post sui Rem mi ha aiutato a mettere a fuoco il problema🙂

Sia chiaro: non mostrarsi per tutelare la propria vita privata è sacrosanto; l’idea però mi piace meno se consideriamo che indubbiamente nella scelta di Mina ha pesato il suo essere donna, con tutta l’ossessione del corpo, della bellezza e della giovinezza che spesso l’essere donna comporta; ovviamente per via di condizionamenti socio-culturali e non di caratteristiche naturali. Un punto che è messo bene in luce da un post di Giovanna Cosenza dedicato al nuovo video di Vasco Rossi in cui il rocker di Zocca non solo non nasconde ma quasi ostenta i segni della sua vecchiaia. Quale donna della canzone italiana lo farebbe? La rifattissime Patty e Ornella non possono gareggiare. Mina nemmeno.

Ma il punto che mi preme sottolineare è un altro, ed è più legato al discorso musicale.

Mina non è una cantautrice, ma un interprete (e che interprete!). Però nella parola “interpretare”, spesso bistrattata dai critici musicali, non c’è solo il bel canto, ma anche la mimica-facciale, la gestualità, la capacità di tenere il palco, l’emozione che si trasmette al pubblico. Interpretare vuol dire produrre una performance, che è frutto di una totalità di elementi, non solo di una voce ben modulata. Quando però si canta solo dietro a un vetro e si offre la propria voce solo in versione registrata, molti di questi elementi vengono meno. Ed è così che ci si sposta dal terreno degli interpreti a quello dei fini esecutori. È così che si perde la dimensione performativa del pop; una dimensione performativa che nel caso di Mina era semplicemente sublime.

Ecco dove sta, secondo me, il vuoto grande grande grande che Mina ha lasciato nella musica italiana.

Questa voce è stata pubblicata il 13 aprile 2011 alle 9:51 PM. È archiviata in Anni Zero, Preistoria '70-'80-'90 con tag , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

6 pensieri su “Il vuoto grande grande grande lasciato da Mina

  1. Alessandra in ha detto:

    Sei tu sublime, senti che scrivi! Quanto sei poetico.. Mina dovrebbe leggere, forse ci ripenserebbe..

  2. Dovrebbe rileggere si… Perchè a me come interpreta la pubblicità delle lasagne Barilla mica mi piace tanto…

  3. Pingback: Di Vasco e degli addii che in realtà sono arrivederci « GoodbyeZero

  4. Eleonora in ha detto:

    D’accordissimo!
    E la dimensione live, oltretutto, è anche la più snervante, oltre che gratificante. Ci si mette a nudo sul palco, ci si dà in pasto al pubblico.
    Non si canta solo con la voce, ma col corpo. Vi lascio immaginare l’ansia e la tensione che ne derivano, che non giovano affatto alla salute.
    Ma mentre si è su quel palco, se si riesce a essere completamente “entheos”, per dirla alla greca, si tocca una dimensione di piacere che non è descrivibile a parole. E’ una dimensione intellettuale, certo, ma soprattutto carnale e passionale all’ennesima potenza.
    Mi permetto di dire, inoltre, da piccola grande sognatrice, che la dimensione performativa del pop si compenetra appieno all’attività di registrazione in studio. Permette di scatenarsi senza freni!

    PS: Dany, i tuoi post sono sempre più belli e intelligenti. Un bacione!!!

    • Ele! Scusa il ritardo nella risposta… grazie per il commento sensato, coerente e assolutamente intressante visto che espone la questione dal lato del perfomer. Torna più spesso da queste parti: so che tu hai tanto da dire e da condividere. Ti aspetto!😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: