Jack White e il primo negozio di dischi su 4 ruote

Se Maometto non va alla montagna la montagna va da Maometto. Questo sembra essere il proverbio perfetto per incorniciare la nuova idea di quel mattacchione dell’ex leader dei White Stripes. Basta sostituire “Maometto” con “Jack White” e “montagna” con “acquirenti” e il gioco è fatto.

Una volta chiusa l’esperienza con Meg e i White Stripes, infatti, Jack ha deciso di dedicarsi a tempo pieno alla sua etichetta, la Third Man Records, tirando dal cilindro l’ennesimo colpo di genio: il primo negozio di dischi su 4 ruote.

Vernice giallo oro metallizzata, grosse ruote con cerchi in lega come solo gli americani potrebbero e un vasto assortimento di vinili da portare in giro per il mondo: questo è The Third Man Rolling Record Store. La trovata è simpatica, ma l’idea che muove questo progetto è dannatamente seria.

Nel bel video di presentazione confezionato dalla casa discografica si legge che il 97% dei ragazzi delle high school non è mai stato in un negozio di dischi. Vabbe’ nel marketing si sa, le cifre si gonfiano sempre un po’, e i dati si usano per oggettivare e legittimare ciò che si dice; ma la frase evidenzia bene la gravità della crisi del mercato del disco. Ancor di più se quel disco non è un CD ma un vinile, il supporto che The Third Man Rolling Records mette in circolazione.

Da qui l’idea di portare in giro la musica; facendo in modo che sia lei a raggiungere quel “pubblico che non c’è” e allo stesso tempo ri-educando il pubblico alla cultura (e al culto ) del vinile. Un progetto che fa il paio con la scelta di un po’ di anni fa di spedire Elephant ai critici discografici solo in formato LP, in modo da umiliare e rendere la vita difficile a chiunque di loro non avesse un giradischi.

Intanto beccati il video di presentazione del progetto, e soprattutto dimmi che ne pensi dell’ultima trovata di Mr. Jack White: il paladino dei vinili e del mercato discografico tradizionale che porterà la musica a spasso nel mondo riportando il pubblico indietro nel tempo.

Questa voce è stata pubblicata il 21 marzo 2011 alle 9:39 PM. È archiviata in Rock-Indie '10, Segnali dai '10 con tag , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

3 pensieri su “Jack White e il primo negozio di dischi su 4 ruote

  1. vittorio_waz in ha detto:

    Sta sempre un passo avanti, c’è poco da fà! E sopratutto quanto spacca Blue Blood Blues?

  2. Dodo in ha detto:

    Sì, la cifra sicuramente è gonfiata, dai…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: