Il Natale è passato ma le canzoni natalizie (per ora) restano

Quest’anno ho atteso il passaggio del 25 dicembre con gli occhi e le orecchie tappati per evitare di vedere-ascoltare alcune terribili videoclip di Natale. Un po’ come quando da piccolo chiusi gli occhi prima che mio fratello riuscisse a cambiare canale per oscurare la visione di Edward mani di forbice, gentilmente concessa in anteprima da Italia1.

Solo che Edward col tempo è diventato uno dei miei miti (ironia della sorte) mentre dubito seriamente che Shake Up Christmas dei Train e Christmas Lights dei Coldplay diventeranno le mie canzoni preferite.

Col tempo si cambia, non si rincoglionisce.


Chi invece pare essere rincoglionito è Chris Martin e dietro di lui la sua ciurma chiamata Coldplay. A quanto pare la sbornia popanni ’80 che ha trasformato gli eredi brit di Jeff Buckley nella copia degli U2 non è affatto passata, e anzi pare aggravarsi a causa di un incauto mix con una toy music da eterni Peter Pan (priva della genialità degli Arcade Fire). Tanto che non mi stupirebbe se per il prossimo album Chris abbandonasse la sua ciurma per sostituirla con un carillon, tanto il sound – diciamocelo – ormai è quello.

Il più recente frutto di questo processo di peterpanizazione è Christmas Lights: pezzo scontato, suoni abborbiditi da una postproduzione eccessiva e melodia insipida e smaccatamente natalizia. Per carità Christmas Lights in sé non sarebbe un pezzo atroce, se solo riuscissi ad ascoltarlo senza avere in testa il paragone con Spies, Yellow e Don’t Panic.

Ma la Palma della Canzone di Natale più brutta – ma proprio “brutta brutta brutta”, come diceva Aldo Baglio negli sketch delle Tv Svizzera – è assegnabile con facilità. Va di diritto a Shake Up Christmas dei Train, anche nota come “la canzone di Natale della Coca Cola”.

Non che questa band americana sia mai stata anche solo decente, ma onestamente la preferivo quando con Drops Of Jupiter, tentava invano di scrivere la nuova I don’t want to miss a thing o la nuova Always. Ora vedendoli scimmiottare i nuovi Simple Plan, e vedendo il loro cantante quarantaduenne conciato come un teenager, con tanto di pashmina lilla e capelli “ingellati”, il sangue mi gela nelle vene… e non per il freddo natalizio.

PS: ti comunico che mentre scrivo Mtv passa ancora una volta Shake Up Cristmasperché il Natale è passato, ma le sue canzoni rimangono in heavy rotation.

Non mi cruccio però: perché so per certo che non passeranno la prova del tempo. Basta solo avere pazienza… e nel frattempo avere riflessi pronti per chiudere gli occhi e tapparsi le orecchie e un fratello fidato che cambi canale.

Questa voce è stata pubblicata il 31 dicembre 2010 alle 8:41 PM. È archiviata in Pop '10, Segnali dai '10 con tag , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

3 pensieri su “Il Natale è passato ma le canzoni natalizie (per ora) restano

  1. Pingback: Il nuovo singolo dei Coldplay: Jeff Buckley lascia il posto a Mika « GoodbyeZero

  2. Pingback: I Coldplay tra Disney e Rihanna(!) « GoodbyeZero

  3. Pingback: I Coldplay tra Boris, Disney e Rihanna(!) « GoodbyeZero

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: