Amy Winehouse e Lotman: quando la Motown conquista Amici e X-Factor

Amy WinehouseSe penso alle voci più caratteristiche degli Anni Zero mi viene in mente quella di Amy Winehouse. Graffiata, un po’ nasale: una voce riconoscibile tra mille. O almeno così era nel 2003 quando Amy ha esordito.

Sì perché dopo Back to Black (2006) le frequenze radiofoniche sono state invase da un esercito di Amy-epigoni. Fino ad arrivare al caso tutto italiano in cui se non imiti la Winehouse probabilmente non lancerai nessun disco e certamente non vincerai alcun reality…

Quando Amy debuttò nella musica le pagine di Yahoo Answer cominciarono a pullulare di domande come “Chi è quella nuova cantante con i capelli alla Moira Orfei e quella voce strana?”. In realtà non c’era nulla di nuovo e strano nel suo stile vocale uscito dritto-dritto dalla Motown.

Piuttosto Lotman direbbe che la voce di Amy ha funzionato come un meccanismo di traduzione tra culture – per usare termini semiotici. Ha funzionato come un elemento mediatore che ha traghettato lo stile della Motown nel nostro contesto musicale. Un traghettamento che ha implicato due riadattamenti: quello della vocalità, in parte riadattata ai canoni dell’odierno R’n’B, e quello del contesto musicale che l’ha accolta.

Ed è di questo secondo punto che mi preme parlare.

Se non ci fosse stata Amy: Simona Ventura avrebbe scelto Giusy Ferreri tra migliaia di voci? E anche se fosse avvenuto, la cara Giusy sarebbe diventata lo stesso la rivelazione musicale dell’anno? Sul fronte Sugar, Caterina Caselli avrebbe puntato su una voce speziata come quella di Malika Ayane? Quanto ad Alessandra Amoroso, Loredana Errore e Emma Marrone, le loro voci graffiate e sbilenche avrebbero dominato le ultime due edizioni del super-tradizionale Amici di Maria de Filippi? E dulcis in fundo, Nina Zilli – che da Amy prende non tanto lo stile vocale, quanto il look e lo stile musicale – sarebbe stata compresa dal grande pubblico?

Secondo me no. Senza quell’esplosione culturale causata dalla vocalità di Amy tutto questo in queste forme non ci sarebbe stato. Non è soltanto una questione di scelte discografiche (è anche questo ovviamente), ma è una questione di cosa una cultura considera accettabile e quindi piacevole; quello che banalmente chiamiamo “gusto del grande pubblico”. Un gusto che Amy è riuscita a spostare più in là, riscrivendo – che ci piaccia o no – i canoni del bel canto occidentale.

Questa voce è stata pubblicata il 22 dicembre 2010 alle 12:12 PM. È archiviata in Anni Zero con tag , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

6 pensieri su “Amy Winehouse e Lotman: quando la Motown conquista Amici e X-Factor

  1. Valicio in ha detto:

    ma quante cazzo di tag metti?😀

    ..Sono pienamente d’accordo.

  2. Pingback: Welcome Mr.Eleven! Undici auguri e una precisazione… « GoodbyeZero

  3. Pingback: Il pagellone di Sanremo: si ride per non piangere « GoodbyeZero

  4. Pingback: Adele: non solo Amy « GoodbyeZero

  5. Pingback: Adele: non solo/sono Amy « GoodbyeZero

  6. Pingback: Lana del Rey: se critica e pubblica si incontrano a Teano « GoodbyeZero

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: